5 modi insoliti di usare la pesca

La pesca è uno dei frutti estivi per eccellenza. Il suo colore, il suo sapore “raccontano” l’estate con tutto il suo profumo. Normalmente la pesca l’ho sempre “usata” come buona frutta da mangiare, al massimo ho pensato a qualche dolce  ma poi ho sempre optato per un altro tipo di frutta.  Poi è arrivato il contest Pesca & Friends partito grazie alla pesca Regina di Londa.  Una pesca tardiva, dolce, che è frutto di un ritrovamento avvenuto negli anni ’50, ritrovamento che ha segnato la vita degli ultimi 50 anni di questo paese di montagna vicino alla città.

La pesca a Londa trova un clima ideale

Londa è un paese costituitosi  come comune 300 anni fa, nel 1716, grazie al Granduca Pietro Leopoldo ed è immerso nel verde.  Un luogo abitato dagli Etruschi fin dal VI secolo prima di Cristo che oggi ha molto da offrire ai suoi visitatori.  Il matrimonio tra la Pesca Regina e Londa è avvenuto  per caso grazie al ritrovamento di un’antica varietà della zona da parte di un attento coltivatore di Londa, Alfredo Leoni. La pesca, chiamata Regina di Londra è una pesca tardiva che arrivava sul mercato quando le altre ormai erano alla fine. Succosa ma facilmente deteriorabile la Pesca Regina ebbe un boom nel mercato locale e questo spinse gli agricoltori della zona a piantare i pescheti.  Essendo una pesca resistente alle malattie che cresce bene tra i 100 e i 700 metri  a Londa trovò il suo clima ideale.

Una pesca “non trasportabile”.

Non sopportando il lungo trasporto e con la spinta al consumismo degli anni’80 la pesca Regina ei suoi produttori subì un contraccolpo. Oggi, grazie al ritrovato interesse per i prodotti a km zero e alla nuova mentalità questa pesca deliziosa, e con lei altre pesche tardive, ha ritrovato tutto il suo appeal.

6  buoni motivi per mangiare la pesca

Grazie alle ricette che ancora stanno arrivando ([email protected]  per partecipare) abbiamo compreso che la pesca è un frutto più versatile di ciò che tutti noi pensiamo.  Intanto ci sono motivi legati legati alla nostra salute:

1 – Combatte obesità e stati infiammatoricassetta pesca regina

2 – Ha proprietà antiossidanti e concorre a combattere diabete e malattie cardiovascolari

3 – Ricca di vitamine A, B, C, E e K: contribuisce a migliorare la vista (A), fortificare il sistema immunitario (C) e proteggere i globuli rossi (E)

4 – 285 microgrammi di potassio per ogni pesca, ovvero circa il 14% della quantità raccomandata di potassio. Il potassio è un minerale importante per cellule, e organi

5 – cura i muscoli e previene ipertensione, infarto e calcoli renali

6 – Infine grazie alle vitamine C ed E, ai composti fenolici, può prevenire i tumori e combattere le cellule cancerogene; in particolare può offrire un aiuto contro il cancro al seno

Come se non bastasse, la pesca con i suoi profumi offre una possibilità incredibili in cucina. Le ricette arrivate fino ad oggi molte sono “classiche” anche se interessanti e sfruttano la pesca nella versione dolce. Torte, budini anche gelati e biscotti diventano la base per il suo utilizzo. Ma alcuni dei “cuochi” non professionisti, i food blogger che hanno inviato le loro ricette ad oggi hanno osato uscire dagli schemi.

5 modi insoliti di usare la pesca

5 modi insoliti di usare la pesca
5 modi insoliti di usare la pesca

La pesca è la protagonista di almeno 5 ricette salate. Le ricette saranno svelate durante la Festa regina di Londa che si svolgerà a Londa dal 9 all’11 settembre 2016 e che nella giornata di domenica oltre alla pesca Regina vincitrice dell’annata, vedrà anche le tre migliori ricette inviate passare al vaglio della giuria tecnica formata da:
Marco Marucelli, giornalista enogastronomico direttore tecnico del ristorante Rodomonte 1910 di Gabbro, Valter Nencetti professore del dipartimento di Agraria dell’università di Firenze, Aleandro Murras, sindaco di Londa, Roberta Capanni giornalista consigliere Arga Toscana (Associazione regionale di giornalisti esperti in agricoltura, alimentazione, ambiente, territorio, foreste, pesca, energie rinnovabili), Francesco Turri editore di EGnews e giornalista di enogastronomia

 Le ricette salate a base di pesca arrivate alla redazione sono:

  1. Risotto alla pesca bianca e Formaggio brie
  2. Risotto alla pesca con riduzione di Savignone Rosso ( e qui apriamo la parentesi territoriale perché Il savignone sarà uno degli ospiti d’onore della festa, lo straniero che arriva tramite la strada che collega la Romagna alla Toscana, territorio storicamente unito e chiamato Romagna Toscana)
  3. Torta salata alla pesca nettarina
  4. Gamberi in crema di pesca
  5. Arrosto di maiale alle pesche

Noi abbiamo sperimentato la prima al momento e …ci siamo leccati baffi. Per ora la ricetta rimane segreta sarà svelata dopo i risultati del contest. Intanto  vi consigliamo di partecipare perché la fantasia in cucina è l’ingrediente più importante!

Lascia un messaggio

Your email address will not be published.