La quiete dopo la tempesta ..alimentare!

Qualcosa però possiamo fare. Prima di tutto moderarsi, ricordandoci che chi ci rimette di più non è la bilancia ma la nostra salute e poi ricorrere, eventualmente, a qualche “aiuto verde”. Prima di pasti abbondanti premuniamoci di integratori a base di glucomannano, chitosano o psillio, cioè fibre che hanno molteplici attività. Innanzitutto a contatto con l´acqua rigonfiano, riducendo la sensazione di fame; è per questo che viene consigliato di assumere le fibre con abbondante acqua.

Poi creano nello stomaco una “barriera” che aiuta a ridurre l´assimilazione di zuccheri e grassi introdotti con il cibo. Inoltre aiutano la funzionalità intestinale, evitando fastidiosi gonfiori e senso di pesantezza.

Il glucomannano si ottiene per essiccazione e successiva polverizzazione di un tubero asiatico, l´ Amorphophallus Konjac. Il chitosano, invece , è un polimero ottenuto dalla chitina, una sostanza presente nello scheletro dei crostacei.

Lo psillio è un seme che, nel tegumento, presenta mucillaggini che rigonfiano a contatto con acqua. Rispetto ai primi due ha azione solo di regolazione intestinale. Sembrerebbe strano ma anche la sola acqua possiede capacità “dietetiche”.

Bere almeno due litri di acqua al giorno non è facile ma permette di ridurre lo stimolo della fame, drenare e reidratare i tessuti dell´organismo, eliminare tossine e migliorare la funzionalità renale.

Logicamente non si passa da un bicchiere d´acqua al dì a due litri ma si può cominciare bevendo uno o due bicchieri prima di colazione, che sono un toccasana, e poi via via aumentare per quello che il nostro organismo ci permette.

Ma se , nonostante l´acqua bevuta, continuiamo a sentire gonfiore e pesantezza possiamo prendere in considerazione piante come tarassaco, betulla, gramigna e finocchio.Una tisana da bere durante la giornata può aiutare a ridurre l´accumulo di sali e tossine introdotti con gli alimenti e che possono determinare , in chi è predisposto, ritenzione idrica. La tisana di semi di finocchio ha in più la proprietà di aiutare la digestione e ridurre gli accumuli d´aria nello stomaco e nell´intestino.

Se il sapore del finocchio non piace posso proporre un´altra bevanda eccezionale, da consumare quotidianamente:il te verde. E´ come fare il pieno di antiradicali liberi, molecole essenziali per il nostro benessere, poiché contrastano l´azione dei radicali liberi, che aggrediscono i nostri organi e tessuti determinandone un invecchiamento precoce. Inoltre sembra che il te verde aiuti a ridurre il livello dei grassi totali e del colesterolo nel sangue, abbia un effetto ipotensivo e dia una certa protezione a livello vascolare.Gli studi sono stati fatti in Giappone, dove vivono persone tra le più longeve al mondo!

Infine un consiglio. Teniamo sempre a mente un celebre aforisma: “Colazione da re, pranzo da principe e cena da povero”. Non potendo saltare pranzi luculliani riduciamo l´apporto calorico la sera. Questo ci permetterà di smaltire durante la giornata gli eccessi del pranzo e godere la notte di un sano riposo, non ottenebrato da incubi causati da indigestioni serali.

Lascia un messaggio

Your email address will not be published.